Archivio di maggio 2015

“Diritti di legalità”: in Provincia esposti i lavori dei ragazzi che hanno partecipato al progetto

29 maggio 2015

Mercoledì mattina, presso la Sala dei Grandi della Provincia, c’è stata la giornata conclusiva dei progetti di educazione alla legalità, con i ragazzi delle scuole superiori che hanno presentato ed esposto i loro lavori.

L’intera mattinata è stata coordinata da due studentesse della Consulta Provinciale degli Studenti e una del Parlamento degli Studenti della Toscana, le quali hanno presentato i progetti e spiegato gli obiettivi raggiunti.

Erano presenti, inoltre, la Polizia Statale, i Carabinieri, la Municipale, l’ente Arci Solidarietà e la Presidente dell’Arci Elisa Viti con cui i ragazzi dei vai istituti hanno lavorato. La Vicepresidente della Provincia Eleonora Ducci, presente anche lei all’incontro, ha ringraziato i ragazzi e ribadito l’importanza di una educazione alla legalità per i giovani di oggi.

Il progetto di ArciSolidarietà “Diritti di legalità” è stato fatto dai ragazzi del Liceo Giovanni di Castiglion Fiorentino e del Liceo Vittoria Colonna, che hanno lavorato insieme ad Ilaria Gradassi, responsabile del progetto. Hanno realizzato a mano dei libri e in ogni pagina vi hanno inserito dei lavori propri che trattano tutti lo stesso argomento, ovvero la lotta alle mafie, l’educazione alla legalità, la cittadinanza attiva.

La conclusione che ne hanno tratto i ragazzi del Liceo di Castiglion Fiorentino è stata che la mafia va sconfitta con la cultura; essa è un sistema sociale ben radicato nel nostro paese e quindi non basta fare blitz o arrestare un boss mafioso, ma vanno cambiate le cose alla radice. Bisogna educare alla cultura.

La mattina è terminata con l’intervento della Presidente dell’Arci che ha presentato un’altra parte del progetto, ovvero il viaggio a Corleone nei campi di lavoro confiscati alla mafia.

10325425_986611891391225_6163129423225751278_n

“Il lupo in calzoncini corti”: ultimo appuntamento per la rassegna “Rights now-Cinema per i diritti”

26 maggio 2015

“Quanto sono diverse dalle altre le famiglie omogenitoriali?” È la domanda, rappresentativa nella sua semplicità di un universo complesso e ancora sommerso – un tabù nel nostro paese -, che si sono poste le registe Lucia Stano e Nadia Dalle Vedove con il documentario “Il lupo in calzoncini corti” in programmazione al Cinema Eden di Arezzo mercoledì 27 maggio alle ore 21.

Il film chiude la rassegna “Rights Now – Cinema per i diritti” proposta da Officine della Cultura e Chimera Arcobaleno Arcigay Arezzo, in collaborazione con Cinema Eden, Comune di Monte San Savino e con il patrocinio della Provincia di Arezzo.

Come ormai abitudine della rassegna “Rights Now”, la proiezione del documentario vedrà la presenza in sala di ospiti d’eccezione, in questo caso della regista Lucia Stano e ancora di una famiglia aretina parte dell’Associazione Famiglie Arcobaleno. Un modo per sviluppare in sala, a proiezione conclusa, il filo narrativo proposto dal grande schermo, in questo caso elaborato con sapienza, coinvolgimento, “leggerezza” e passione, giorno dopo giorno, nella convivenza invisibile con due famiglie omogenitoriali, nel racconto dei figli di “famiglie diverse” e insieme nella proclamazione di un desiderio di paternità capace di superare confini culturali e geografici.

“Il lupo in calzoncini corti”, miglior documentario al 25° Festival Mix di Milano, si segnala inoltre per essere stato realizzato grazie al sostegno del pubblico, partecipe di una “produzione consapevole” acquistando il DVD un anno prima della realizzazione. Tra i professionisti coinvolti nel progetto anche il compositore Remo Anzovino, che ne ha firmato la colonna sonora.

Informazioni e prevendite: Officine della Cultura – via Trasimeno n. 16, tel. 0575 27961; Cinema Eden – via Guadagnoli n. 2, tel. 0575 353364; segreteria@officinedellacultura.org oppure arcigay.arezzo@gmail.com

Locandina Il lupo in calzoncini corti 27-05-2015

Saltimbanco e Teatro di strada a Poppi per la Festa della Repubblica

26 maggio 2015

In occasione della Festa della Repubblica, martedì 2 giugno dalle ore 16.00 presso l’Associazione Ricreativa Kontagio a Ponte a Poppi spettacolo di Saltimbanco e Teatro di strada.

A seguire apericena e grigliata con intrattenimento musicale!

Circolo kontagio 02-06-2015

Arci Solidarietà unisce giovani e adulti con un progetto su legalità cittadinanza attiva

26 maggio 2015

Diritti di legalità è un progetto di Arci Solidarietà, finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, che intende intervenire negli ambiti della cittadinanza attiva, della legalità, corresponsabilità e disagio sociale, intesi sia come educazione ai diritti individuali e alla partecipazione democratica alle scelte della propria comunità, che al superamento delle discriminazioni, per una convivenza civile e rispettosa di regole comuni.

I giovani di vari istituti superiori di secondo grado hanno già partecipato a laboratori didattici di educazione e promozione della cultura della legalità e della partecipazione democratica.

Il progetto prevede inoltre un viaggio di lavoro e studio dal 21 al  28 agosto presso la Cooperativa di tipo B “Lavoro e Non Solo” di Corleone, che gestisce alcuni beni e terreni confiscati alla mafia in Sicilia.

L’esperienza del campo di lavoro coinvolgerà alcuni degli studenti che hanno partecipato ai laboratori nelle scuole, un gruppo di adulti dei centri di aggregazione sociale ARCI ed è proposto a cittadini e cittadine che intendono vivere un’esperienza di cittadinanza attiva. Spese di viaggio, vitto e alloggio, saranno completamente a carico di Arci Solidarietà grazie al finanziamento del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (progetti sperimentali di volontariato, art. 12, legge 266/1991).

Vita nei campi, attività di volontariato per la risistemazione dei beni, gite organizzate e incontri con il territorio per un reale scambio culturale saranno solo una parte di un viaggio intenso, arricchito da momenti di socializzazione e di tempo libero.

L’8 giugno alle ore 18.00 all’Arci si terrà un incontro informativo per tutti coloro che sono interessati.

Per aderire al viaggio contattaci entro il 15 giugno 2015.

Volantino viaggio a Corleone

Serata di premiazione per la XX edizione del Festival Nazionale di Teatro Spontaneo

22 maggio 2015

Sarà questa sera alle ore 21 presso il Centro di Aggregazione Sociale Fiorentina il gran finale della XX edizione del Festival Nazionale di Teatro Spontaneo.

Per il ventennale del Festival hanno partecipato le migliori compagnie non professioniste d’Italia tra cui  la Compagnia “Costellazione” di Formia con il suo spettacolo “La Cattedrale”, premiato come Miglior Spettacolo Europeo 2014 al Festival APOSTROF di Praga e finalista in rappresentanza dell’Italia e dei Paesi Europei di Lingua Latina al Festival NEATA 2014 di Porvoo in Finlandia.
Ogni venerdì dal 13 Marzo ad oggi presso il CAS Fiorentina sono andate in scena otto rappresentazioni con una platea di 300, 400 spettatori a sera.

Questa sera, invece, a partire dalle 21 ci sarà la cerimonia di premiazione degli spettacoli: Miglior spettacolo in lingua italiana, Miglior spettacolo categoria vernacolo, Premio miglior regia, Premio gradimento pubblico, Miglior attore e Miglior attrice.
Alle 21.30 la Compagnia Primancera di Arezzo presenterà lo spettacolo “Le Comiche” per la regia di Moreno Betti e testi di Eduardo De Filippo, Lunari, Wolinsky, Claudia Bretecher, Fabrizi, Pietro De Vico e Nino Taranto.
Presenterà la serata Luca Caneschi e l’ingresso come sempre sarà gratuito.

Locandina XX Festival Nazionale di Teatro Spontaneo 2015

“Metti in piazza lo sport”: iniziativa organizzata dal Quartiere di Porta Sant’Andrea

20 maggio 2015

Ottava edizione di “Metti in Piazza lo Sport”, la manifestazione organizzata dal Quartiere di Porta Sant’Andrea e dall’associazione il Bando, con il patrocinio di Comune e Provincia di Arezzo e Coni. Partecipano il Karate Club Funakoshi, il Circolo Schermistico Aretino, ASD Tennistavolo Arezzo e l’Atletica Sestini. Per tre giorni ci saranno dimostrazioni delle varie discipline nella piazza e nei dintorni del quartiere biancoverde, che vedranno protagonisti principali i più piccoli.

Si comincia venerdì 22 maggio con una gara podistica, il primo Memorial Carlo Fardelli: “di corsa verso la Giostra”. Un percorso cittadino all’interno del quartiere per tutte le categorie, che vede sia una passeggiata non competitiva di circa 5 km, sia una parte agonistica di circa 7,5 km. La gara è stata intitolata a Carlo Fardelli che oltre che capitano vittorioso del Sant’Andrea, è stato anche un attivo uomo di sport.
Sabato 23 si parte invece dalle 15 con il torneo di tennistavolo in piazza San Giusto, mentre alle 16, presso i giardini di Largo Inigo Campioni, esibizione di triathlon e atletica leggera aperta a tutti i bambini. Alle 18,30, di nuovo in piazza San Giusto, è il turno dell’esibizione di karate. Dalle 20 presso il circolo del Quartiere pizzeria per tutti i quartieristi. Dopo cena, alle 21,30 conclude la serata l’esibizione di scherma in piazza San Giusto.

La giunta comunale, nel frattempo, ha concesso in uso a Porta Sant’Andrea altri locali: l’ex “casina del custode”, un immobile di circa ottanta metri quadri disposti su due livelli e il piccolo resede di pertinenza che si trovano nel cortile dell’ex Pretura di via Garibaldi, accanto al Museo del Quartiere stesso.

“Questi locali permetteranno di svolgere alcune attività del nostro Quartiere in una posizione più defilata rispetto a piazza S. Giusto e quindi ridurre eventuali disagi ai residenti. – dichiara il rettore biancoverde Maurizio Carboni – La richiesta era stata presentata da tempo ma la svolta si è avuto lo scorso 30 novembre, durante la cena del Patrono, quando il pro- sindaco Stefano Gasperini aveva promesso che la situazione si sarebbe sbloccata: ‘è giunto il momento di buttare giù quella porta!’ aveva detto scherzando.”

“Della pratica si sono costantemente interessati sia il pro sindaco Gasperini che l’assessore Francesco Romizi: a loro il nostro sincero ringraziamento. Come Quartiere – prosegue Carboni – abbiamo fornito la massima collaborazione e ci siamo impegnati anche a realizzare il progetto tecnico per il restauro di Porta Trento Trieste che è tra le priorità di questa parte di centro storico.” “Il Comune ha rispettato le promesse che aveva fatto – conclude Carboni – e noi rispetteremo gli impegni che ci siamo presi. Dalla collaborazione istituzionale possono venire solo che vantaggi per tutti.”

image-0001

« Older Entries

Vai a inizio pagina