Archivio di novembre 2015

 

Una storia dietro ogni numero. 10 Rifugiati raccontano il loro viaggio

26 novembre 2015

“Il rifugiato è una persona in pericolo, costretta a fuggire dal proprio Paese per un fondato timore di persecuzione a causa della sua razza, religione, nazionalità, per il gruppo sociale al quale appartiene,per le sue opinioni politiche.” (Convenzione di Ginevra, 1951)

Questo è quello che troviamo scritto nella Convenzione di Ginevra, ma che ancora oggi in molti paesi, tra cui l’Italia; non viene ben recepito. I rifugiati nel mondo sono oltre 43 milioni e l’80% viene da paesi in via di sviluppo. Anche l’Italia, paese nel quale il diritto di asilo è garantito dalla propria carta costituzionale, mostra ancora delle grosse lacune culturali e sociali su questo tema.

Per questo la FONDAZIONE IL CUORE SI SCIOGLIE ONLUS ha promosso il progetto sulla cultura dell’accoglienza “Una storia dietro ogni numero… 10 Rifugiati raccontano il loro viaggio” in collaborazione con ARCI TOSCANA e con il patrocinio dell’ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI (UNHCR). Dal 20 novembre al 4 dicembre 10 rifugiati incontrano scuole, associazioni e istituzioni per riportare le persone al centro del dibattito sull’accoglienza.

Lunedì 30 novembre la Fondazione Cuore si Scioglie sarà ad Arezzo con la sua delegazione. L’incoNtro sarà presso la Casa delle Culture dalle 17.30 alle 19.00.

Per info e contatti rivolgersi a:
Daniela Ceccarelli
ceccarellidaniela@gmail.com

0001

TERRASONORA. La tradizione campana, l’energia della tarantella e della tammurriata, le influenze sonore e culturali del mediterraneo

25 novembre 2015

Venerdì 27 novembre 2015 alle ore 22,00 al Circolo Culturale Arci Aurora di piazza Sant’Agostino torna il grande folk con il concerto dei “TERRASONORA”, un gruppo campano che dal 2003 porta in Italia e nel mondo un folk d’autore, nuovo ma palesemente nutrito di tradizione. La serata è un’anteprima del Festival “Pifferi, muse e zampogne” organizzato dal Circolo Culturale Arci Aurora e dall’ Associazione Culturale Musicanti del Piccolo Borgo che, sotto l’accurata regia di Silvio Trotta, svolgerà la sua ventesima edizione il 3/4/5 dicembre nei locali del Circolo.

Terrasonora

TERAPIE DI COPPIA. Il cabaret in strisce

25 novembre 2015

Giovedì 26 novembre alle 22.00 Aurorainscena, la rassegna di teatro e delle arti della scena, ideata dal Circolo Aurora di Arezzo, offre una serata all’insegna dell’umorismo e dell’ironia.
La compagnia Diesis Teatrango, porta sul palco “Terapie di coppia”, spettacolo realizzato drammaturgicamente da strisce di fumetti per diventare strisce di teatro umoristico che solleticano il pensiero…le tante e complesse problematiche di coppia – situazioni drammatiche, personaggi al limite, sconfitti e anti-eroi per eccellenza – con ironia leggera e non volgare.
Un’ora di divertimento contagioso! Una “terapia” molto efficace.

manifesto generico 34

Libere dalla paura, libere di essere. Giornata internazionale contro il femminicidio

25 novembre 2015

Questo 25 Novembre avrebbe dovuto essere una giornata nella quale si valutavano i passi avanti fatti e quelli ancora da fare, purtroppo pensiamo che questa valutazione occuperà molto tempo, a meno che non si valutino passi avanti il lavoro eroico svolto dai centri antiviolenza con sempre più richieste e finanziamenti ridotti al lumicino.

Purtroppo pensiamo che il momento drammatico che stiamo vivendo tenterà anzi di mettere in secondo piano i temi di questa giornata.

Il femminicidio è un crimine contro l’umanità ed ha una valenza universale perché è agito a livello globale.  C’è una matrice comune nel mondo che riguarda la violenza e la discriminazione contro le donne, ovvero la mancata considerazione della dignità delle donne come persone.

Bisogna ricordare al mondo che non rispettare i diritti delle donne lede tutta l’umanità.

Come Arci domani saremo presenti a tante iniziative sui territori, e vi invitiamo, come lo scorso anno a cambiare la vostra immagine profilo sui social.

immaginexsitoarci

“Salò o le 120 giornate di Sodoma” di Pier Paolo Pasolini al cinema Eden

4 novembre 2015

Questa sera alle 21.00 presso il CINEMA EDEN proiezione dell’ultimo film di Pier Paolo Pasolini “Salò o le 120 giornate di Sodoma”

Il film sarà preceduto dai cinque minuti de L’intervista sotto l’albero di Gideon Bachmann a Pasolini sul set del film, messa a disposizione dagli archivi di Cinemazero di Pordenone.

L’ultimo film di Pasolini, uscito postumo, fu definito dall’autore “un mistero medioevale”. Pasolini intendeva dire che ogni sequenza, ogni atto, ogni momento del film alludeva ad altro, proprio come nei Misteri medioevali ogni “quadro” rappresentato, evoca altro, una storia sacra o profana. La grande complessità – e la violenza narrativa, quasi intollerabile – di Salò nascondono numerosi segreti, situazioni cifrate, allusioni, appunto, a ciò che Pasolini si rifiutava di raffigurare e mettere in scena direttamente: il presente, il degrado dell’Italia, ammorbata dalla televisione e dallo sviluppo senza progresso. Geniale “tradimento” di de Sade e audace dissimulazione storica (la Repubblica Sociale è solo un “cartone” metaforico), Salò aggredisce lo spettatore precipitandolo in un incubo senza pietà e senza vie di salvezza, dove i rituali di perversioni e violenze rimandano surrettiziamente al presente. Mostra aberrazioni perpetrate secondo un regolamento da collegio infernale, dove ogni etica è pervertita nel suo contrario e la “soluzione finale” pedagogica consiste nella creazione di una nuova umanità, indifferente e assuefatta all’orrore.

11236449_1047043278660246_2412171475386533948_o

Vai a inizio pagina