I Venerdì di Palazzo del Pero 2018 – 4° Incontro

3 maggio 2018

La quarta Conversazione del ciclo, I Venerdì di Palazzo del Pero 2018, organizzati dal Centro Sociale “Valcerfone” di Palazzo del Pero, con il contributo della Farmacia Marini – Giabbanelli e di Capacci Gualtiero (ingrosso foraggi) – ambedue di Palazzo del Pero – e la collaborazione della Società Storica Aretina, avrà luogo Venerdì 4 maggio alle ore 21 presso i locali del Centro (Palazzo del Pero, tel. 0575369379) ed è affidata a Giovanni Cangi che parlerà su, Architetture, viabilità, vicende storiche tra Toscana e Umbria in epoca tardo-antica e altomedievale.

Le rappresentazioni cartografiche, antiche e recenti, ci guideranno da Palazzo del Pero, attraverso il torrente Cerfone da una parte e il torrente Nestore dall’altra, verso l’Alta Valle del Tevere e in particolare verso Città di Castello. Un approccio geografico e ambientale, che attraverso le vie di collegamento e il sistema dei rilievi (quasi paralleli lungo la valle) come dei percorsi di valico, ripercorre e ci offre la possibilità di soffermarsi su alcune vicende storiche come pure su testimonianze artistiche e architettoniche di epoche diverse. Un ruolo quindi non secondario quello di Palazzo del Pero, snodo viario e ponte e raccordo di collegamento con altri bacini e realtà più vaste.

Giovanni Cangi è ingegnere civile, Associato di Ricerca CNR (Istituto per le tecnologie applicate ai Beni Culturali). Svolge attività nel campo del recupero e del consolidamento dell’edilizia storica. Si occupa del consolidamento di strutture in ambito archeologico,  soprattutto nella capitale, per conto della Sovrintendenza Archeologica di Roma (Domus Tiberiana, Clivo della Vittoria al Palatino, Palazzo Senatorio al Campidoglio…). Interventi di consolidamento anche all’estero per conto del CNR, come del Bedestan (ex-chiesa di S. Nicola degli Inglesi a Nicosia) che gli ha permesso di conseguire, insieme ad altri colleghi, il Premio dell’Associazione Europa Nostra nel 2009. Dal 2014 partecipa a missioni di cooperazione scientifica tra CNR e l’Università di Pechino aventi per oggetto lo studio dell’edilizia storica e delle tecniche costruttive tradizionali antisismiche utilizzate in alcuni villaggi della provincia di Pechino e nel Fujian (Siti Unesco).

Tra le diverse sue pubblicazioni, il Manuale del Recupero Strutturale e Antisismico (Roma, DEI 2012).

Vai a inizio pagina