Tesseramento

DIVENTARE SOCIO

La tessera associativa
Si può aderire all’Arci richiedendo la tessera in uno dei nostri 6.000 circoli, oppure presso uno dei nostri 130 Comitati Territoriali.
Ha validità annuale, dal 1 gennaio al 31 dicembre.

Per quanto riguarda il Comitato di Arezzo puoi rivolgerti ad uno dei circa 120 circoli del nostro territorio oppure direttamente presso la sede del Comitato che si trova ad Arezzo in via Garibaldi 135, telefono 0575/23549, fax 0575/295376, e-mail arezzo@arci.it.
La tessera da diritto a partecipare alle attività dei circoli e delle strutture dell’associazione. Da diritto al socio di partecipare ad ogni momento della vita democratica dell’associazione (decalogo del socio).
La tessera da diritto ai servizi forniti dal circolo, dall’associazione a livello locale e/a livello nazionale. Per conoscere i servizi associativi potrai metterti in contatto direttamente con le strutture locali. Se vuoi averne un assaggio puoi consultare il motore di ricerca.
In queste pagine troverai i servizi offerti a livello nazionale, per tutti i cittadini residenti nel nostro paese che recepiscono diritti e doveri dello statuto nazionale.
Il costo della tessera varia a seconda dei servizi offerti dal circolo e dalla struttura locale dell’Arci.
Ogni anno l’associazione caratterizza i suoi materiali del tesseramento con una immagine grafica diversa che riassume gli obiettivi che tutta l’Arci si pone per l’anno di riferimento

La tessera dirigenti
E’ la tessera che viene rilasciata ai soci dirigenti di circolo, comitato territoriale, regionale e sede nazionale. Oltre ai servizi della tessera ordinaria, offre importanti coperture assicurative UNIPOL (responsabilità civile, tutela giudiziaria, infortuni, etc.) legate al lavoro degli operatori associativi che svolgono funzioni di direzione e coordinamento

Il decalogo dei soci
Hai scelto liberamente di diventare un socio dell’Arci e la tua tessera ti permette ora l’ingresso in un universo ricco e multiforme: l’universo dei circoli. Diventi così protagonista della nostra associazione; parte attiva con i suoi diritti e i suoi doveri; fruitore a pieno titolo di servizi e attività ma tu stesso impegnato a dare idee ed energie alla loro creazione e alla loro migliore qualità.
Quando il circolo dove ti sei iscritto è nato, i suoi fondatori erano certi che le attività nate dalle loro passioni sarebbero state motivo di allegria, di riflessione, di giocosità e di impegno anche per tutti coloro che avrebbero potuto e saputo avvicinare.
Questa era, ed è ancora adesso, la loro grande e semplice idea.
Ma ora non è più solo loro. E’ anche tua. Sei anche tu, insomma, insieme agli altri soci, responsabile del futuro di quell’idea. Allora, sappi innanzitutto quali sono le prime cose che ti si chiedono e quelle che devi chiedere….

Essere socio vuol dire:

conoscere lo statuto del proprio circolo, condividerne le finalità e rispettarne le regole

prendere parte attiva alla vita del circolo, collaborando con gli altri soci all’organizzazione delle attività e alla realizzazione dei suoi scopi sociali

partecipare alle assemblee, esercitando il proprio diritto-dovere di decisione sulle scelte che riguardano la vita del circolo

partecipare alla discussione e all’approvazione del bilancio annuale del circolo

partecipare all’elezione degli organismi dirigenti del circolo e, se lo ritenete, candidarsi a farne parte

impegnarsi ad affermare dentro e fuori del circolo il valore e la dignità delle persone, al di là di ogni differenza di sesso, razza o religione, la cultura e la pratica della tolleranza, della pace, della cooperazione e della solidarietà tra i cittadini

occuparsi dei problemi del territorio, prestando la propria attività a sostegno dei cittadini più deboli, per la crescita culturale e civile della comunità

E infine ricorda che il gioco, la gioia e la felicità sono beni inalienabili di tutti che ognuno ha il diritto di preservare.


Articoli correlati:

PASSEGGIATA DOMENICA 13 APRILE, 2 aprile 2014

Cena della legalità e dell’antimafia, 29 giugno 2011

Vai a inizio pagina